EDU - Festival dei saperi educativi

Borgo medievale di Vitorchiano venerdì 23 e sabato 24 maggio 2014
Quinta edizione

Torna il Festival dei Saperi Educativi – EDU con la quinta edizione.

L'Università scende nelle piazze, tra le gente, per le vie del suggestivo borgo medievale di Vitorchiano, in provincia di Viterbo, da venerdì 23 a sabato 24 maggio 2014.

"Sul buon uso della fragilità", quale «virtuosa attitudine che ci consente di stabilire un rapporto di empatia con chi ci è vicino», come affermato da Vittorino Andreoli, rappresenta il filo conduttore della quinta edizione del Festival dei Saperi Educativi - EDU 2014, organizzato dall'Istituto Superiore Universitario di Scienze psicopedagogiche e sociali "Progetto Uomo" (IPU), in collaborazione con il Comune di Vitorchiano.

La manifestazione, gratuita, è rivolta a educatori, docenti, studenti e operatori dei servizi pubblici, privati e del terzo settore, genitori, ragazzi e a tutti i cittadini, "per fare il punto" su temi psicologici, pedagogici e sociali.

Saranno realizzate lezioni in piazza, laboratori per le scuole, proiezioni, spettacoli e una manifestazione sportiva riservata a preadolescenti.

Brunetto Salvarani, Igor Salomone, Giorgio M. Bressa, Michele Capitani, Katia Colica, Andrea Canevaro, Antonio Loperfido, Pasquale Neri e un gruppo di studenti IPU di Reggio Calabria, parleranno della fragilità, sotto diverse angolature:
partendo dal terremoto che ha sconvolto l'Emilia-Romagna e soffermandosi sulla "fragilità" di Dio; sui vincoli e le possibilità dell'Educatore; sul rapporto fra psicobiologia e felicità; condividendo le storie dei senza fissa dimora; presentando le periferie-ghetto italiane; spiegando i processi di cura e la pratiche educative; penetrando nella relazione con il paziente terminale; descrivendo quello che fu lo scandalo dell'Ospedale psichiatrico di Reggio Calabria.

Francesca Spurio (con Barbara Aniello e Alfonso Giulianelli, musicisti), Paolo Manganiello con Giovanni Cernicchiaro, Donato Robustella, Luisa Stagni, attraverso i linguaggi della recitazione, dello spettacolo e del cinema, offriranno l'occasione per entrare nelle trame emotive della fragilità, onde favorire l'ascolto empatico della propria e altrui vulnerabilità.

I Laboratori, chevedono la partecipazione di numerose Scuole del territorioe condotti da educatori ed esperti dei vari settori e dell'animazione,rilanceranno l'educazione ai rapporti e alla relazione, stimolando, attraverso il gioco, l'espressione corporea o musicale o artistica, la conoscenza di sé e dell'altro, in termini di inclusione e promozione.

Fiocco di Neve, un golden retriever appositamente addestrato, darà una dimostrazione, insieme agli educatori dell'Associazione Murialdo, del "prendersi cura" della fragilità attraverso un laboratorio REA (Relazione Educativa con gli animali).

Il Circo creativo e il Quadrangolare di pallavolo, sperimentati con successo nelle precedenti edizioni, promuoveranno, sempre in chiave educativa, il gioco e la competizione, quali occasioni per saldare le fragilità nella forza del gruppo, a favore del divertimento e del superamento dei vincoli personali e/o sociali.

La chiusura delle due giornate sarà appannaggio della musica, affidata all'estro creativo del Caruso Quartet e del DJ Paolo Fortugno.

Il Festival ripropone, inoltre, la rassegna in concorso di Cortometraggi sulle tematiche sociali, EDU Short Movie, in collaborazione con l'ANEP (Associazione Nazionale Educatori Professionali).

Potranno essere presentati cortometraggi che abbiano come focus centrale dell'arco narrativo "la fragilità", per fungere da stimolo di analisi e riflessione utili ad aiutare la società a riscoprire e rivitalizzare risorse educative e valoriali.

Una Giuria di esperti valuterà e premierà le opere che si distingueranno nelle categorie illustrate nel regolamento; la direzione artistica della rassegna è stata assegnata al regista Donato Robustella.

E' aperta, in concomitanza, una pagina Facebook, che, oltre a fornire informazioni sulla rassegna cinematografica, funge, anche da luogo d'incontro e scambio di informazioni tra artisti.